full screen background image

Yulin, il Festival dell’orrore

yulin-dog-meat-festivalCome ogni anno a Yulin (cinese: 玉林; pinyin: Yù Lín; zhuang: Yueklaem), città-prefettura della Cina nella Regione Autonoma di Guangxi Zhuang, con più di 5 milioni di abitanti, per il solstizio d’estate vengono uccisi e mangiati migliaia di cani.
Il tutto avviene durante l’annuale festival, perché tradizione vuole che la carne di cane doni fortuna e vigore sessuale. I quadrupedi vengo catturati in strada o sottratti ai proprietari, in particolare nelle zone rurali dove numerose sono le denunce per gli effetti della criminalità che questo commercio comporta: si moltiplicano i casi di aggressioni da parte dei ladri pronti a tutto per portarsi via i cani.

Secondo il World Animal Protection, ogni anno in Cina vengono macellati 25 milioni di cani, per questo in tutto il mondo si stanno diffondendo iniziative per fermare questa barbarie.
L’inferno può durare anche giorni perché il “Festival della carne di cane” di Yulin si avvicina e bisogna procurarsi molti cani: la loro carne è il piatto principale della manifestazione. Non saranno i soli, molti gatti faranno la stessa fine. Ogni anno, in occasione del solstizio d’estate, almeno 10mila cani e gatti vengono uccisi tra atroci sofferenze. Spesso la morte giunge con colpi inferti da coltelli in gola o, peggio ancora, con bastonate che stordiscono solo e l’animale finisce poi nell’acqua bollente ancora vivo. Questo è quanto accade ogni anno al Festival di Yulin.

A protestare contro il “Festival” di Yulin non sono solo gli occidentali, ma anche molti cinesi considerano sbagliato quanto accade. In Cina ci sono circa 130 milioni di cani e almeno 27 milioni vivono come animali domestici nei centri urbani. Anche per questo le immagini delle uccisioni e macellazioni, spesso effettuate per strada, nei mercati o in locali improvvisati, urtano moltissimi cinesi. Nel 2011, sull’onda delle proteste nazionali, le autorità hanno messo fine al Jinghua Dog Meat Festival, evento simile a quello di Yulin.




css.php