full screen background image

Piano Regionale Integrato 2011-2014 – Luci ed Ombre

di Paolo Sarnelli*


La complessa contingenza legata all’esigenza di garantire i controlli ufficiali nel campo della sicurezza alimentare e della sanità veterinaria secondo una corretta conoscenza dei pericoli ed alla crisi di risorse conseguente al Piano di rientro sanitario ha indotto la Regione Campania a dotarsi di un adeguato ed efficace sistema di programmazione delle attività dei servizi sanitari territoriali.

Il sistema prevede efficaci ed esaustivi sistemi informatici (GISA – VAM – BDU-DIGEMON) per la gestione delle attività e delle relative banche dati che consentono sia alle stesse AASSLL che alle competenti strutture della Giunta regionale di monitorare l’andamento dei piani di controllo e di valutarne l’esito.

I sistemi informatici alimentano i documenti di programmazione regionale e territoriali (DPAR – DPAT) prevedendo il corretto utilizzo delle risorse disponibili secondo una gradualità delle priorità stabilite dalle norme cogenti e secondo criteri e carichi di lavoro omogenei e standardizzati in tutte le AASSLL.

La relazione quadriennale del Piano Regionale Integrato 2011/2014 ( vai alla relazione completa ) rappresenta la sintesi conclusiva del sistema regionale dei controlli e consente di evidenziare l’andamento del rischio nel corso del periodo. Grazie alla conoscenza capillare, alla standardizzazione delle procedure e della documentazione ufficiale è possibile valutare le criticità e definire correttamente gli obiettivi del nuovo piano quadriennale sui quali investire le risorse disponibili. La relazione evidenzia, altresì, le carenze riferibili ai servizi sanitari territoriali puntualmente notificate ai vertici delle AASSLL, cui sono stati assegnati gli obiettivi del PRI quali obiettivi di risultati, per l’adozione dei necessari correttivi.

La relazione, oltre alle criticità, testimonia già i primi effetti positivi del sistema resi evidenti dalla variazione della categoria di rischio di alcune attività verso livelli più bassi, a testimoniare l’efficacia dei controlli e del sistema di programmazione.

*Dirigente UOD Prevenzione e Sanità Pubblica Veterinaria
Regione Campania




css.php