full screen background image

Modello 1/2016, scadenza 30 novembre

tastiera-pc-mani-scorciatoieCOME INVIARE IL MODELLO 1
Esclusivamente in via telematica, accedendo alla funzione “Trasmissione Modelli” di Enpav Online. La corretta presentazione del Modello viene attestata da una ricevuta immediatamente disponibile nella funzione “Documentazione – Ristampa”.

CHI DEVE INVIARE IL MODELLO 1
Tutti i veterinari che nel 2015 sono stati iscritti all’Albo professionale, anche se per pochi giorni. Sono esclusi coloro che hanno presentato domanda di esonero dall’invio del Modello 1, autocertificando di non produrre alcun reddito da attività veterinaria in forma autonoma, neanche in modo occasionale.

SANZIONI
Sono applicate su tutti i Modelli inviati oltre la data di scadenza del 30 novembre, anche nel caso in cui non sia dovuta alcuna contribuzione eccedente.
La sanzione applicata è di importo fisso, differenziato a seconda del numero dei giorni di ritardo rispetto alla data di scadenza:

  • sui Modelli 1 presentati tra il 1° dicembre 2016 e il 28 febbraio 2017 è applicata una sanzione di Euro 31,30
  • sui Modelli 1 presentati dal 1° marzo 2017 al 30 novembre 2017 è applicata una sanzione di Euro 78,25
  • sui Modelli 1 presentati oltre il 30 novembre 2017 è applicata una sanzione di Euro 156,50.

COME RETTIFICARE IL MODELLO
Fino al 30 novembre 2016 è possibile rettificare i dati, mediante l’apposita funzione disponibile in Enpav Online “Trasmissione Modelli – Rettifica Modello 1”.
Dopo tale data, è necessario inviare apposita autocertificazione avvalendosi della modulistica disponibile nella sezione “Contributi” del sito.
In questo caso, viene acquisita quale data di presentazione del Modello, la data di invio della rettifica. Pertanto un Modello 1 rettificato dopo il 30 novembre, viene sanzionato allo stesso modo dei un Modello 1 trasmesso in ritardo.

COME SONO CALCOLATI I CONTRIBUTI ECCEDENTI
Per il Modello 1/2016 l’aliquota prevista per il calcolo del contributo soggettivo è pari al 13% del reddito professionale (A1 + A2 + A3) eccedente il reddito convenzionale di Euro 15.650,00 fino ad Euro 92.600,00 e al 3% oltre tale limite.
Il contributo integrativo è pari al 2% del totale dei compensi riportato nel rigo B4 + B5.

I bollettini M.Av. per il pagamento delle eccedenze saranno generati i primi giorni del mese di dicembre 2016 e pubblicati nella sezione “Consultazione M.Av./SDD” dell’area iscritti.

MAGGIORI INFORMAZIONI SONO DISPONIBILI NELLE NOTE ILLUSTRATIVE “MODELLO 1/2016” PUBBLICATE NELLA SEZIONE CONTRIBUTI – MODULISTICA DELLA HOME PAGE DEL SITO.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php