full screen background image

Il medico veterinario, sempre in prima linea (di Vincenzo De Luca)

De Luca 2Nell’immaginario collettivo il veterinario è considerato, a giusta ragione, il medico degli animali. Ma è una definizione riduttiva. Con il passare del tempo mi sono infatti reso conto che il mondo veterinario spazia in ambiti molto più vasti e anche più tortuosi, comunque gratificanti. Nella sicurezza alimentare, ad esempio, il medico veterinario può entrare con la sua professionalità in maniera se possibile più determinante del collega medico igienista. Basti pensare a tutti gli alimenti di origine animale quotidianamente sulle nostre tavole. Dal latte e derivati, alla carne, ai pesci, al miele, alle uova: un intero universo alimentare, insomma. E i controlli sul campo, effettuati dai veterinari delle Aziende Sanitarie Locali della Campania come di tutte le regioni d’Italia, sono sempre sottaciuti. Un lavoro certosino, capillare, meticoloso, di grande responsabilità svolto a fari spenti lungo tutta la filiera agro-alimentare, senza clamori e pubblicità.
La Regione Campania, attraverso l’istituzione dell’Osservatorio Regionale per la Sicurezza Alimentare (ORSA), ha avviato un processo di informatizzazione dei dati di interesse veterinario. Due progetti, nati inizialmente come ‘appendici’ del processo di informatizzazione, hanno assunto peso rilevante sia come sviluppo software che come gestione dati: Anagrafe Canina Campana e Gestione Imprese Settore Alimentare (GISA).
Nel corso di una visita in un’azienda zootecnica nel casertano ho potuto constatare direttamente il lavoro svolto dai veterinari, in uno spaccato circoscritto della loro professione. Dalla riproduzione degli animali, al controllo della salute degli stessi per evitare la trasmissione di malattie all’uomo, dalla scelta dell’alimentazione alle analisi di laboratorio. Il medico veterinario è al centro di quel micro-sistema.
Una considerazione che può essere traslata, senza nessun rischio di smentita, nella vita quotidiana. Al riguardo mi viene in mente quello che dicevano le persone di una certa età in epoche ormai lontane: “nel paese sono necessari il parroco, il medico, il veterinario e il sindaco”. Uno spaccato di saggezza, quella degli anziani, che rimane sempre di grande attualità.
Vincenzo De Luca
Presidente
Giunta Regionale Campania




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php