full screen background image

I filosofi in cucina

“Petomane, onanista e cannibale. Diogene ha invitato al suo banchetto i commensali più emblematici: Rousseau, il paranoico erbivoro che canta il gusto plebeo; Kant, l’ipocondriaco austero che si preoccupa di conciliare etica ed etilismo; Nietzsche, il germanofobo che impone la cucina piemontese come purificazione dell’alimentazione prussiana; Fourier, il nebuloso che ambisce a essere il Clausewitz della polemologia nutritiva; Sartre, il pensatore del vischioso che cucina le aragoste con la mescalina; o Marinetti, il gastrosofo sperimentale che accoppia i sapori più inattesi”… così comincia questo “gustosissimo” saggio sugli stretti rapporti tra la testa e la pancia, alla ricerca di una liberatoria “gaia scienza” alimentare.
Quando i filosofi pensano, il più delle volte dimenticano di pensare al loro corpo, e soprattutto al modo in cui il corpo si costruisce e si modifica: attraverso il cibo. Dunque, si potrebbe dire, tra il pensiero e la pancia esiste una rete complessa di affinità e relazioni che non possono essere trascurate. Il Rousseau del contratto sociale avrebbe fatto l’apologia della frugalità se la sua dieta non fosse stata composta quasi esclusivamente di latticini? Sartre, i cui incubi sono pieni di granchi, non ha pagato, nella sua vita teorica, l’avversione verso i crostacei? In questo saggio, certamente nietzscheano e feuerbachiano, l’autore restituisce dignità filosofica a merluzzi e minestre, all’ orzo e al vino, ai salumi, al caffè aromatizzato che – da Fourier a Marinetti, da Kant agli esistenzialisti, segnano i cammini imprevedibili della gaia scienza. Una critica della ragion dietetica, come recita il sottotitolo?
Un abbozzo di “diet – etica”? Innanzitutto un tentativo di sorprendere l’istante e la pietanza, a partire dai quali il corpo cattura lo spirito e gli detta le sue leggi.
Leggero e piacevolissimo da leggere, svela aspetti sconosciuti dei grandi pensatori e non può mancare nella biblioteca degli appassionati di ispezione e scienza degli alimenti.
Enrico Fariello




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php