full screen background image

Possibili diagnosi: Omeopatia e Agopuntura

di Gilda La Bruna


L’Omeopatia e l’Agopuntura sono delle medicine olistiche, il principio è quello dell’unità del corpo. Non ci si ferma quindi, alla cura del sintomo, ma si guarda dietro a quello che lo ha generato in maniera da curare il malato nel corpo, nella mente, nei sentimenti e nelle emozioni. Per capire tutto ciò bisogna spiegare cosa è la malattia per questo tipo di medicina.cane_bn Nelle medicine alternative non esistono malattie locali, ma la malattia viene intesa come un’affezione del corpo e della mente. Essa parte dall’interno, da uno squilibrio profondo, e solo in un secondo momento altera la mente e il corpo. Questi concetti già largamente esposti nell’uomo, valgono anche per gli animali se consideriamo quelli, come cani e gatti, che instaurano una relazione con gli uomini. Infatti il comportamento di molti cani nei confronti del loro padrone è assimilabile a quello del figlio nei confronti della mamma. Ciò ci dà la misura dello straordinario livello di comunicazione tra noi e il cane e l’importanza di comprendere il suo punto di vista. Per capire, quindi, cosa è realmente malato la diagnosi in omeopatia e in agopuntura, non si fermerà solo al corpo, ma valuterà lo stato di salute attraverso: 1) L’Anamnesi 2) Il Segnalamento 3) L’ Osservazione 4) L’ Odore 5) La Palpazione 6) Il Colloquio 1) ANAMNESI E’ la raccolta dei dati che riguardano la storia del paziente.

Anagrafica Raccolta dei dati
Familiare Malattie ereditarie
Personale Raccolta dei dati che riguardano la storia clinica

2) SEGNALAMENTO: Riconoscimento della razza

A ciascuna razza corrispondono caratteristiche e comportamenti. Questo è importante soprattutto nella valutazione dei sintomi mentali. Ad es. il Bassotto cane da Tasso, creato tra il settecento e l’ottocento per stanare i Tassi, ha il tronco affusolato per entrare meglio nelle tane, coda lunga in maniera che il cacciatore potesse tirarlo fuori dalla tana con il Tasso in bocca. Chi possiede un Bassotto avrà un cane dal carattere vivace, e non dovrà meravigliarsi se tenterà di scavare fossi nel divano.

3) OSSERVAZIONE

Nella diagnostica cinese ci sono due principi fondamentali:

PRIMO PRINCIPIO : è la correlazione tra i segni esteriori e gli organi interni che viene riassunta nella frase “Osserva l’esterno per esaminare l’interno” ogni aspetto del paziente è utile ai fini diagnostici. Dal Su Wen “ Se vi è spirito la persona è in salute, se non vi è spirito la persona muore”. Per spirito s’intende lo stato energetico. Un buon colore delle mucose, una buona lucentezza e consistenza del mantello.

linguaIl SECONDO PRINCIPIO: è che “Una parte riflette il tutto”. Possiamo ricavare lo stato di salute dell’intero organismo , esaminando anche una piccola parte di esso. Prendo come esempio il polso e la lingua perché forniscono chiare indicazioni della disarmonia del paziente.

Della lingua apprezziamo : Colore – Forma – Induito. Sulla lingua troviamo inoltre le zone di corrispondenze con gli organi.

L’analisi del polso : consiste nella palpazione di una piccola sezione dell’arteria radiale. Da qui avvertiamo il flusso dei meridiani energetici.

tabella_polso

Dal Su wen “Lo stomaco è la radice dei cinque organi se c’è una buona energia nello stomaco questa verrà ben distribuita nei distretti. “

Importanza dell’osservazione:

a) Il corpo e la mente funzionalmente sono identici: ciò che succede nella mente riflette quello che succede nel corpo e viceversa. In tale misura l’osservazione ci servirà anche a carpire affinità fisiognomiche, tra il nostro paziente e gli elementi presenti in natura. Sintomi mentali peculiari, reiterati nel tempo, riflettendosi sul corpo, lasceranno una impronta.

 

serpenti
gatti

b) L’osservazione dei movimenti del corpo: l’andatura ( rapida o a scatti ), la mancanza di movimento, o l’impossibilità di effettuare alcuni movimenti, ci permettono di individuare i blocchi energetici.

cane_muscoli

4) L’ODORE : Secondo la legge dei cinque elementi vi è una corrispondenza tra l’odore e gli organi. 5_elementi

Rancido Fegato
Stantio Polmone
Bruciato Cuore
Putrido Rene
Dolciastro Milza

  5) LA PALPAZIONE: Pelle: Temperatura e Tonicità Punti sui meridiani energetici Punti Shu cane_2 6) IL COLLOQUIO

Il colloquio ci consente di raccogliere sintomi mentali che ascoltati con cura saranno alla base della malattia. Le informazioni, soprattutto emozionali a seconda delle modalità nelle quali si presentano, ci dovrebbero permettere di arrivare alla patologia.

gatto_occhialiCONCLUSIONI Tutto ciò ci porterà in Omeopatia alla prescrizione del rimedio più simile. Per trattare un malato infatti è necessario stabilire una similitudine tra il suo quadro patologico e le proprietà del rimedio. In Agopuntura ci porterà ad individuare il meridiano energetico in vuoto e sarà questo che verrà trattato. Il principio fondamentale in omeopatia come in agopuntura è che il paziente và considerato nella sua totalità, si cura l’individuo non la malattia per cui non ci saranno ne rimedi omeopatici ne agopunti specifici per una malattia, ma ci saranno rimedi omeopatici e agopunti per il paziente afflitto da quella malattia.




2 thoughts on “Possibili diagnosi: Omeopatia e Agopuntura

I commenti sono chiusi.

css.php